I benefici di una trasformazione digitale orientata al cloud

Scritto da: Colin McMahon
  • 9/15/2022
  • Tempo di lettura : 6 min
cloud-first-dx-900

Per le aziende, il passaggio a una mentalità orientata al cloud comporta una serie di benefici nel percorso di trasformazione digitale (DX), tra cui una maggiore agilità e mobilità, una collaborazione più flessibile e una maggiore velocità di innovazione. Tuttavia, non è così semplice come premere un interruttore o acquistare e installare un nuovo hardware. Passare da soluzioni on-premise a infrastrutture software-as-a-service (SaaS) può essere impegnativo, soprattutto se l’organizzazione in questione crede a uno dei tanti falsi miti:

1. Il cambiamento deve essere totale: ogni soluzione deve ora essere in cloud.

2. Il cambiamento deve essere effettuato rapidamente. Se si intende optare per il SaaS, bisogna effettuare il passaggio completo entro la fine del trimestre o dell'anno.

3. Il cambiamento porterà molto più lavoro per il reparto IT.

Queste credenze possono reprimere i progetti digitali orientati al cloud, ancora prima di iniziare, ma nessuna di queste affermazioni è esatta. La chiave per determinare se l’implementazione di un'infrastruttura SaaS sia vantaggiosa per l'azienda inizia con la conoscenza di ciò che è e (forse ancora più importante) di ciò che non è una mentalità orientata al cloud.

Trasformazione digitale orientata al cloud: di cosa si tratta

Essere orientati al cloud non significa considerare esclusivamente il cloud. I dirigenti più accorti sono in grado di esaminare la propria organizzazione e di valutarne i punti deboli, quali, ad esempio, la frammentazione dei dati, le costose interruzioni e manutenzioni e le informazioni non standardizzate (quindi isolate): tutti elementi che possono essere risolti con soluzioni SaaS. Una mentalità orientata al cloud è quella che, al momento di approcciare una sfida che coinvolge l’organizzazione, considera in prima battuta l’utilizzo di soluzioni non-premise.

Un numero sempre maggiore di aziende cerca risposte nel cloud, in parte a causa delle sfide create dalla pandemia COVID-19. In poche parole, è difficile far funzionare un’azienda on-premise quando una buona percentuale del personale opera (almeno in parte) da remoto. Anche i colleghi che lavorano con impegno nelle loro case possono creare dati isolati e produrre colli di bottiglia, in assenza di una corretta infrastruttura. Ciò detto, sebbene il 2020 abbia accelerato il passaggio verso il cloud, la pandemia non è stata la sola ragione per la quale le aziende stanno adottando questa tecnologia. Ciò che è iniziato come una soluzione a breve termine, per molti si è trasformata in una scelta a lungo termine, in virtù del fatto che le piattaforme cloud offrono una serie di vantaggi che vanno oltre il supporto dei flussi di lavoro da remoto.

Questo ci porta al SaaS. Sebbene il SaaS non sia il cloud, spesso i due termini vengono usati come sinonimi. Mentre cloud (o cloud computing) si riferisce a una piattaforma online decentralizzata e on-demand, il SaaS è un software con licenza in abbonamento, distribuito su cloud (pubblico, privato o ibrido) e idealmente architettato per sfruttare la tecnologia di calcolo del cloud e modelli di licenza che forniscono vantaggi che nessun altro software può offrire.

Sebbene il SaaS sia un concetto emergente nel settore del software industriale, molti stanno, in qualche modo, utilizzando il SaaS da anni. Avete Microsoft Office 365? Questa è una soluzione SaaS. Mai usato Google Docs? Ecco anche questa è una soluzione SaaS. Se state usando Onshape, Arena o Vuforia di PTC, bene state usando una soluzione SaaS. In pratica, tutto ciò che è ottimizzato per collaborare e operare in ambienti di lavoro decentralizzati è SaaS.

3 benefici di una trasformazione digitale orientata al cloud

Una volta compreso cosa si intende per mentalità orientata al cloud, i casi d'uso iniziano a diventare evidenti. I vantaggi del cloud tengono conto innanzitutto dei progressi della tecnologia e dell'evoluzione dell'esperienza lavorativa.

1. La trasformazione digitale orientata al cloud alleggerisce il carico del settore IT

Progettare un’infrastruttura software di qualità e sicura ha sempre comportato un significativo investimento in risorse IT, sia in termini economici che di persone, e le persone possono avere ripercussioni sulla propria salute mentale, specialmente in un ambiente particolarmente stressante (come è successo ad esempio nei due anni appena trascorsi). Per il report 2022 State of Burnout in Tech, la società di software per il benessere mentale Yerbo ha intervistato oltre 36.000 professionisti IT negli Stati Uniti. I risultati hanno mostrato che più del 40% del personale del settore IT sentiva di essere vicino all’esaurimento, sia per il carico di lavoro, sia per l'allungamento delle ore di lavoro, sia per la perdita di equilibrio tra lavoro e vita privata.

Questo problema non è esclusivo del settore IT, ma è difficile non notare quanto il settore tecnologico sia stato messo a dura prova negli ultimi due anni, dato che molte aziende hanno dovuto improvvisamente ricorrere a soluzioni per creare e supportare il rapido passaggio da un'infrastruttura tradizionale a una più ottimizzata per il lavoro da remoto. Tutto questo, che è andato ad aggiungersi ai compiti quotidiani, ha appesantito il lavoro del settore IT. Spostandosi sul cloud e usando piattaforme SaaS, le aziende possono alleggerire il carico dei loro reparti IT senza che ciò richieda investimenti finanziari significativi.

2. La trasformazione digitale orientata al cloud potenzia la collaborazione

Propriamente implementato, il passaggio alle soluzioni cloud può incrementare il potenziale della produttività, permettendo così alle aziende di essere ancora più efficienti. I vantaggi sono evidenti già nella fase di progettazione dei prodotti:

 

 

Prendiamo il semplice esempio della comunicazione degli aggiornamenti dei progetti. I progettatori spesso condividono i file CAD via email senza nessuna sicurezza che i collaboratori operino sulle revisioni corrette; questo è ancora più rischioso quando si comunica con fornitori e clienti. Senza un meccanismo che garantisca l’allineamento delle versioni, i lavori potrebbero essere duplicati o potrebbero non essere stati riportati dei cambiamenti critici. Nel migliore dei casi questo tipo di collaborazione può portare a perdite di ore di lavoro; nel peggiore dei casi alcuni errori potrebbero passare inosservati abbastanza a lungo da influenzare una reazione a catena di decisioni ingegneristiche e commerciali errate.

Onshape, la soluzione CAD SaaS di PTC, sfrutta la tecnologia cloud per risolvere questo problema. Con Onshape, i documenti sono condivisi attraverso link invece che inviati come copie. Esiste quindi una sola versione del progetto a cui si può avere accesso, che può essere visualizzata ed eventualmente modificata simultaneamente da coloro che hanno i permessi per farlo.

3. La trasformazione digitale orientata al cloud facilita il coinvolgimento ovunque e in qualsiasi momento

Molti dei confini tradizionali che bilanciano lavoro e vita privata erano dettati dall'architettura on-premise. Sebbene i dipendenti potessero portare a casa il lavoro, questi erano praticamente isolati dalla rete centrale: ad esempio un impiegato poteva portare a casa un documento da compilare o dei file via mail su cui lavorare. Con un’infrastruttura SaaS, l’accesso alla rete non dipende più dalla prossimità al luogo di lavoro.

Le aziende possono ora operare in un nuovo ambiente, dove la divisione tra lavoro e vita private sta diventando sempre meno definita, soprattutto per alcune tipologie di lavoro. Gli impiegati, sfruttando le infrastrutture SaaS, possono, se ne hanno l’autorizzazione, avere accesso ai file di cui hanno bisogno in qualsiasi momento e da qualsiasi luogo. Questo ha cambiato completamente la definizione di “luogo di lavoro”: da area fissa e predefinita siamo passati a un qualsiasi luogo che abbia una connessione internet disponibile. Sono enormi i vantaggi provenienti da questo cambiamento, ma esistono anche alcune barriere di cui le aziende devono tenere conto.

Abbiamo già discusso di possibile esaurimento nervoso nel contesto del reparto IT, ma un’estensione di tali problematiche di salute può riscontrarsi anche negli impiegati che si spingono (o vengono spinti) ad essere sempre reperibili e attivi. Adottando una mentalità di lavoro “in ogni momento e in ogni luogo”, non è necessario solo modificare le infrastrutture software, ma anche il mindset delle persone. In ogni caso, ciò è possibile solo con un’infrastruttura SaaS.

Cosa dicono gli esperti sulla trasformazione digitale orientata al cloud

C'è un'ultima ragione convincente per prendere in considerazione non solo una mentalità orientata al cloud, ma anche l'utilizzo di soluzioni SaaS: la concorrenza. Le società di ricerca come Gartner hanno aumentato le loro aspettative di spending da parte degli utenti finali a livello mondiale per i servizi di cloud pubblico, poiché sta diventando ovvio che si sta investendo sempre di più. Secondo Forrester, le piattaforme sicure infrastructure-as-a-service (come, ad esempio, Microsoft Azure) hanno riportato una crescita di oltre il 48% nel 2020. Questi investimenti non sono stati dimenticati se e quando la pandemia ha permesso il ritorno in ufficio. In una recente ricerca condotta da IDC, l’adozione del SaaS in tutti i mercati verticali e funzionali ha raggiunto nuovi picchi nel 2021. Le previsioni aggiornate indicano che il fatturato delle soluzioni SaaS supererà i 300 miliardi di dollari entro il 2025, e rappresenterà il 53% del mercato totale del software cloud.

“Il valore del SaaS continua a superare le aspettative, al punto che le aziende stanno considerando solo il SaaS per le nuove applicazioni” commenta Frank Della Rosa, Vicepresidente della ricerca sul SaaS di IDC.

Le aziende che sfruttano il cloud e le soluzioni SaaS saranno probabilmente molto più flessibili di coloro che utilizzano ancora piattaforme legacy on-premise. Come abbiamo visto con Onshape, i benefici di una soluzione SaaS vanno oltre il semplice rispetto delle limitazioni del lavoro da remoto.

SaaS: Il perno di un business digitale sostenibile

Leggete questo InfoBrief di IDC su come (e perché) la trasformazione digitale basata sul cloud sta accelerando.

Tags:
  • Cloud Native
  • Trasformazione digitale
  • SaaS
  • Realtà aumentata
  • CAD
  • Industrial Internet of Things
  • PLM

Informazioni sull'autore

Colin McMahon

Colin McMahon is a senior market research analyst working with PTC’s Corporate Marketing team, helping to provide actionable insights, challenging perspectives, and thought leadership on trends, technologies, and markets. Colin has been working professionally as a research analyst for many years, and he enjoys examining and evaluating just how large the overall impact of digital transformation technologies will be. He has a passion for augmented reality and virtual reality initiatives and believes that understanding the connected ecosystem of people and technology is key to a company fully realizing its potential in the 21st century.